Facebook Twitter
Le rubriche

I film e gli spettacoli

I figli del mare
La vita sulla terra è arrivata dal mare, e nel mare è arrivata dalle stelle…. Questo sottile filo rosso è alla base di “I figli del mare”, l’ultimo manga diretto da Ayumu Watanabe che ha richiesto ben 5 anni di lavoro per la sua realizzazione.
Ruka, una liceale che difficilmente si sottomette alle regole, soprattutto quando le trova ingiuste, viene allontanata dalle attività estive proprio per la sua ribellione. Un giorno, andando a trovare il padre direttore dell’acquario locale, incontra uno strano ragazzo, Umi, che era stato allevato in mare dai dugonghi. Tra i due nasce una profonda amicizia, che sarà solo l‘inizio di una serie di affascinanti avventure.
Con Kenichi Konishi come direttore dell’animazione e character designer, I Figli del Mare” distribuito da Nexo Digital in collaborazione con Dynit e col sostegno dei media partner Radio DEEJAY, MYmovies.it, Lucca Comics & Games e VVVVID sarà nelle sale italiane solo il 2, 3 e 4 dicembre (elenco delle sale su nexodigital.it).

Le verità
È più difficile fare la madre essendo un’attrice famosa, o fare la figlia di un’attrice famosa? Un’attrice è abituata ad essere sempre al centro dell’attenzione di tutti, una figlia ha il diritto di essere al centro dell’attenzione, almeno di sua madre…
È sempre stato difficile il rapporto tra Fabienne (una formidabile Catherine Deneuve che, per quanto appesantita dagli anni, conserva tutto il suo fascino) e la figlia Lumir (Juliette Binoche, dolcemente mesta ma non vinta). La tensione esplode però quando, tornata apposta dagli Stati Uniti dove forse non per caso è andata a vivere ed ha sposato un mediocre attore di serie televisive, Lumir legge l’autobiografia della madre e scopre di non essere praticamente presente. Il confronto tra le due donne è difficile, fa venire a galla rancori mai sopiti, gelosie mai confessate, ma solo quando riusciranno a mettere a nudo i reciproci sentimenti, a confrontare le rispettive visioni delle verità sul loro passato, riusciranno finalmente a mettere le basi per un rapporto profondo che le accompagnerà verso il tramonto.
Con la delicata regia del giapponese Kore-Eda Hirokazu, distribuito da BIM Distribuzione, “Le verità” sarà nelle sale a partire dal 10 ottobre.

Rambo – Last Blood
Sono passati quarant’anni dalla prima volta in cui abbiamo visto John Rambo sullo schermo, ma il nostro, pur invecchiato, non ha perso la sua carica di aggressività e il suo desiderio di vendetta. Con una certa intelligenza, però: ben sapendo di non essere più il prestante soldato di allora, questa volta usa l’esperienza per mettere a punto la sua vendetta che, come è nel suo stile, sarà davvero spietata.
Tornato dall’ultima avventura, infatti, Rambo vive in un ranch nell’Arizona insieme ad una anziana donna, Maria, che lo accudisce con amore, e alla nipote di lei, Gabriela, orfana di madre e il cui padre l’ha abbandonata poco dopo la moglie della morte. Per quanto l’atmosfera sia tranquilla, si intuisce però che si tratta solo di una quiete di superficie: quasi a riflettere il tormento interno, infatti, sotto al terreno del ranch Rambo ha costruito negli anni una rete di tunnel sotterranei, dove si rifugia nei momenti più difficili.
La tranquillità, però, viene interrotta bruscamente il giorno in cui Gabriela decide di andare in Messico e ritrovare il padre. La situazione precipita: dopo il rifiuto del padre di riallacciare il rapporto, infatti, Gabriela cade nello sconforto e finisce nelle mani di due fratelli trafficanti di esseri umani, che la drogano. Quando Rambo la ritrova, la ragazza non fa in tempo a tornare viva a casa, ma muore durante la strada.
E da quel momento, Rambo inizia a pianificare la vendetta, sfruttando tutto quanto appreso in passato, durante le sue missioni.
La vendetta sarà ovviamente spietata e articolata, fino ad eliminare anche l’ultimo appartenente alla nutrita banda di trafficanti. E, dopo aver rivisto come in un flash back gli episodi più salienti della sua complicata vita precedente, forse anche Rambo sarà pronto a terminare la sua vita solitaria.
Interpretato ovviamente da Sylvester Stallone, con la regia di Adrian Grunberg e distribuito da Notorius Pictures, Rambo – Last Blood sarà nelle sale a partire dal 26 settembre.